Oggi avremmo dovuto mollare gli ormeggi per il nostro viaggio, sul molo a salutarci ci sarebbero stati amici e parenti, ci sarebbe stata una tensione pazzesca, un’ansia da capogiro, un’adrenalina di quelle accecanti. Magari mentre recuperavo la cima mi sarebbero venuti dei ripensamenti, oppure mentre piano piano ci allontanavamo da terra mille dubbi e perplessità mi avrebbero fatto cadere nel panico, nella paura. Poi avrei guardato verso il timone e avrei visto il mio capitano e allora avrei capito che qualsiasi cosa fosse successa, con lui accanto sarei stata al sicuro.Avevamo scelto come data di partenza il 5 luglio perché ci piaceva dare un significato a quel momento tanto atteso.Il 5 luglio 2008 ci siamo sposati, dall’altare della chiesina di Tellaro c’era una finestra che dava sul mare e poco dopo il “sì” una vela passava lì davanti, sarà stato un segnale? Da quel momento è iniziato il nostro primo viaggio, il 5 luglio 2020 sarebbe stato l’inizio di un nuovo viaggio, di una nuova avventura. Con noi ci portavamo i souvenir del primo di viaggio, i nostri tre meravigliosi figli. 

Questa data è solo stata posticipata, l’attesa nel frattempo ha caricato ancora di più l’aspettativa, ma noi siamo ancora qui, sempre insieme e uniti più che mai, comunque vada a finire….che poi in fondo io e lui un viaggio lo iniziamo ogni mattina. Ogni giorno riscopro in lui aspetti a cui magari non avevo dato peso nel passato. Lo guardo e rido perché mi fa ridere, da sempre, e cosa c’è di più bello al mondo per una donna che avere accanto un uomo che la faccia ridere? Chi non vorrebbe avere accanto un uomo che non appesantisce le situazioni che sono già macigni di per loro. Qualcuno che con un’astuta leggerezza ti sa prendere per il verso giusto, perché tu da stronza dai a lui l’esclusiva del tuo lato peggiore.Quando l’ho conosciuto nel lontano 2002 in realtà l’ho riconosciuto, perché appena l’ho visto ho capito subito che era LUI l’altra metà della mia mela.

Lui che non mi annoia mai, lui che mi fa sentire ancora le rane nella pancia quando lo sto aspettando, lui che mi fa incazzare e volare nello stesso tempo.Ne abbiamo passate tante insieme, e ogni volta è stata occasione per fonderci sempre di più, quando il fardello pesava troppo lo abbiamo sempre portato a metà. Lui è stato l’incontro più magico della mia vita.Lui è la mia pace, la mia serenità, lui è quello che sa, lui è quello che anticipa, che asseconda, che protegge, che ama. Lui che crede in me, mi supporta e sopporta. Lui che non regala fiori e non fa sorprese, ma che sa colmare i gesti superficiali con quelle attenzioni e premure che pochi sanno dare. Lui che mi appaga, che mi fa sentire donna e femmina. Lui che mi rende indispensabile nell’emozionare. Lui che da, senza nulla in cambio, lui che non si risparmia quando c’è da ascoltare, lui che non giudica ma consiglia. Lui che guarda con i miei occhi e a volte mi ruba i pensieri. 

Lui che è e sarà sempre il mio compagno di viaggio.

Con te, sempre e per sempre.

Si+bmda

5 Replies to “5 luglio”

  1. Ho iniziato a seguirvi per la particolarità della vostra avventura… Mi avete avete stregata con i vostri racconti e la vostra vita quotidiana alternativa… Ed ora non aspetto altro che la ripartenza!!! Mi affascinate con le vostre storie di mare, e mi fate venire voglia di realizzare una cosa simile ma più in piccolo, proprio a me che vivo tra fieno, vacche e vette. Grazie e avanti tutta così!!! Siete fantastici per simpatia ma anche per la bellissima famiglia che siete ❤️

    1. Grazie Alice! sono lebelle parole come le tue che ci danno la forza per andare avanti anche quando i dubbi ci attanagliano! Se hai un sogno non rimandare: fallo!!! un abbraccio

  2. Buongiorno,
    leggo con piacere il vostro blog.
    Noi siamo stati meno audaci e ci siamo limitati a un anno sabbatico (grazie alle larghezze del diritto del lavoro francese) nel 2010/2011. Da allora viviamo di ricordi e proseguiamo la vita professionale coll’obbiettivo di comprare una barca e partire a tempo indeterminato una volta sistemati i ragazzi e le finanze…
    Spero che i vostri preparativi avanzino e che la data della partenza si avvicini, anzi, che non ci siano post perché siete già partiti, in mare e quindi senza internet.
    Restiamo in attesa di notizie !
    Vi auguro venti favorevoli

    Mario Marcazzan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.